Recensione Il Fantasma di Pittsburgh di David Ocean

Il Fantasma di Pittsburgh

– David Ocean –

Formato: Copertina flessibile

Pagine: 172

Editore: Pinguino Libri

Chi sta sconvolgendo le notti della pacifica e riservata Pittsburgh?

Uomini di mezza età, benestanti e soli, vengono uccisi con identiche inquietanti modalità in tempi ravvicinati.

L’opinione pubblica, terrorizzata, pretende una risposta immediata e risolutiva da parte della polizia, rappresentata dal nono distretto al comando del capitano Podolski, ormai prossimo alla pensione.

Gli indizi sono pressoché inesistenti. Colui che la stampa ha già definito ” Il Fantasma di Pittsburgh” agisce con criterio e freddezza, senza commettere errori.

Podolski, sotto pressione, sa che solo un uomo può catturare il Fantasma prima del prossimo omicidio. Il suo pupillo, detective Dan Foster.

Ma Dan è a pezzi, stravolto da fatti personali che lo hanno reso un giustiziere senza più fiducia nel sistema.In un vortice di tensione, il detective dovrà guardarsi le spalle e dare la caccia al Fantasma, inseguito dal ticchettio di un orologio che assottiglia inesorabilmente la distanza dal precipizio.

Nella quiete della cittadina di Pittsburgh, un omicida semina il terrore: le sue vittime sembrano avere le uniche caratteristiche comuni di essere uomini single di mezza età.

La polizia brancola nel buio e presto si trova obbligata ad affidare il caso a Dan Foster, un uomo ambiguo con un grande senso di responsabilità che ha vissuto recentemente un lungo periodo di isolamento e diffidenza, da parte dei colleghi, a causa di un recente caso che l’ha visto protagonista.

Non ancora emerso dalla recente separazione dalla moglie Erika, pronta a tutto per inseguire il sogno del successo e della carriera (carriera che ha anteposto al matrimonio stesso con Dan) l’uomo ha recentemente perso la strada della legge commettendo atti discutibili per un agente del suo calibro.

Per inseguire il Fantasma di Pittsburgh Dan è però pronto a tutto, soprattutto spronato dal recente incontro con Eleonore che l’ha ridestato da un torpore autodistruttivo e che lo porta, da subito, a iniziare una corsa contro il tempo per anticipare e svelare le mosse dell’imprendibile criminale.

Le tracce del killer sembrano impossibili da ricostruire, ma la determinazione del poliziotto lo porta presto a scoperchiare un vaso di segreti e violenze che arriva dal passato.

Il romanzo di David Ocean è un thriller veloce e coinvolgente che, proprio per la scrittura essenziale e una trama magnetica, si divora in poche ore.

Sentendo l’esigenza di seguire Dan in questa avventura contro il tempo per scoprire la verità, le tessere del puzzle vengono donate al lettore in modo uniforme e ritmico tanto da perdere la cognizione del tempo venendo assorbiti totalmente dalla lettura.

Ho apprezzato molto la scrittura dell’autore e il suo stile e, sebbene in genere sia abituata a leggere trame molto complesse e maggiormente articolate, la spirale dell’indagine cui questa storia ci mette a confronto mi ha piacevolmente assorbita dalla prima all’ultima pagina.

Se le dinamiche possono essere anticipate di qualche istante prima di Dan stesso, i retroscena legati al movente e alle storie che dalle vicende emergono, rappresentano il punto focale di questo romanzo che, per la sua velocità e per l’alto grado di fascino, diventano trascinanti per tutta la durata della lettura.

Spero possa esserci un seguito per questo protagonista complesso dall’animo perennemente in confitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *